Ricevo e molto volentieri pubblico la testimonianza di una mia cliente:

Mi piace pensare alla sessione di kineosiologia emozionale come un concerto per archi in cui il suono dei singoli strumenti contribuisce all’armonia della sinfonia.
La sinfonia è la vita, il direttore d’orchestra è il corpo che, attraverso la sua memoria e la sua saggezza, comunica le note per vibrare all’unisono.
Per me la sessione è un ottimo strumento per placare il controllo della mente, che è costretta quindi ad abdicare al sentire ed al suono del silenzio.
Questo facilita il fluire verso nuove consapevolezze, determinando una qualità dell’esperienza quotidiana più piena e nutriente.
La delicatezza, la presenza, il rispetto e la profondità di Antonio accompagnano la sessione che arriva a sciogliere nodi arrugginiti e a potenziare le risorse impolverate da giudizi e condizionamenti.
L’esperienza con la kinesiologia emozionale in poche parole? Delicata, profonda, commovente, poetica.”

Grazie Antonio

Related Posts

MAGICOOOOOOOO, COME SEMPRE! Un arricchimento fantastico per ogni partecipante. Si sono aperti per...

Ricevo da una cliente e molto volentieri pubblico: “Ciao Antonio. Ho appena aperto gli occhi dopo...

TRAGUARDO “ESAMI” IN VISTA PER IL GRUPPO 2016 CHE HA PARTECIPATO AI TRE GIORNI DI TRAINING FINALE CON...

Leave a Reply