Percorso di formazione iscritto SIAF

La magia della danza

Articoli  /   /  By antonio

 Il sostegno alla salute, alla serenità, allo scarico delle tensioni….MeditaDanzando

a cura di Antonella Screti

Chi svolge attività di counseling come lavoro di sostegno alla salute, alla serenità mentale, allo scarico delle tensioni fisiche ed emozionali, ha generalmente una personalità creativa che porta ad utilizzare molteplici tecniche nel suo campo di intervento.

Personalmente scelgo quali tecniche possono essere utili per lavorare con determinate persone, per determinate questioni ed in determinati momenti, di volta in volta secondo un sentire interiore che è sia parte integrante della mia intima essenza che frutto di diversi decenni di lavoro nella relazione d’aiuto.

Ve ne sono alcune che, per i suddetti motivi, prediligo. Tra esse vi è il danzare!

Danzare in modo creativo, personale ma anche -in un certo modo e per determinati fini- guidato, attiva e armonizza i centri energetici presenti lungo il nostro corpo. Ed oltre ad essi, attiva e armonizza le connessioni con i centri energetici di chi ci sta intorno, soprattutto se danza sui nostri stessi ritmi, ne segue le finalità (seppure per il personale benessere), ne respira le emozioni, il loro s-muoversi e modificarsi.

Tutte le forme di danza hanno un indubbio effetto positivo sugli esseri umani. Di qualunque età, qualunque luogo e background culturale.

Nel bacino del Mediterraneo esistono antiche danze particolarmente coinvolgenti ed efficaci nelle terapie di cura. La tarantella salentina o ‘pizzica pizzica’ è quella che personalmente sento straordinariamente efficace, oltre che affine ad altre danze o, meglio, a determinati movimenti codificabili come danze provenienti da antichissime culture dell’occidente africano.

La ‘pizzica pizzica’ è considerata da secoli una danzaterapia. Ma già da millenni prima (!!!) essa era danza rituale di connessione con le nostri parti più intime, energetiche e animiche. La tradizione di questo ballo arcaico, la sua valenza terapeutica–grazie al lavoro del Maestro Antonio Infantino- è da tempo Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Nei lunghi anni di sperimentazione, iniziata in modo apparentemente casuale e del tutto personale, ho avuto modo di vivere direttamente le connessioni, le integrazioni, i “rinforzi” che manifestano grandi benefici in chi danza, integrando ai ritmi ed ai movimenti conosciuti, i più antichi della “pizzica pizzica” con gli antichissimi movimenti di richiamo delle forze archetipiche che governano il mondo e che sono nella nostra psiche, negli angoli segreti dell’inconscio collettivo (faccio riferimento agli archetipi di yunghiana divulgazione) derivanti dalla tradizione africana yoruba e integratisi in seguito con le tradizioni di alcuni popoli del Sud America.

Tali archetipi, tutti presenti in ognuno di noi -uomini e donne, bambini e adulti- si manifestano in specifici aspetti della nostra struttura psichica. Essi sono chiamati Orixàs. In ogni essere umano gli Orixàs sono presenti con il risalto di alcune caratteristiche degli stessi piuttosto che altre; ciò fa di noi individui unici, con punti di luce e punti di ombra (qualità latenti da esprimere, punti deboli da trasformare). Emanazioni delle molteplici qualità divine, dentro e fuori di noi, Essi sono ‘qualità’ archetipali, dell’anima umana, manifesti anche negli altri viventi in Natura.

Quando faccio danzaterapia costruisco un modello di intervento danzante, con un format omogeneo di base e che di volta in volta modifico in base ad una serie specifica di fattori. I movimenti prendono forma e forza da antichissimi mudràs -in parte inizialmente indotti- con tecniche di respiro accompagnate da specifiche posture corpo-mente. Attraverso la scelta di specifici ritmi e melodie, i centri energetici di chi danza vibrano seguendo flussi invisibili che mano a mano si connettono alle cellule del corpo, entrano in rispettosa connessione con le forme pensiero, creano confidenza con specifiche emozioni…. e lavorano per creare nuovi equilibri nel corpo-mente, nuove più solide armonie.

 

Si entra così in dimensioni meditative uniche dove tensioni, stress, contratture possono rilassarsi; gli organi ossigenarsi; la mente osservare senza giudizio fino a distendersi, rilassarsi o disporsi alla creazione di ‘pensieri positivi’.

Le sessioni di danzaterapia sono esperienze adatte a chiunque voglia stare bene, stare meglio, o iniziare a comprendere ed esplorare le parti segrete di sé.

Ciò, in imprescindibile contatto con gli elementali o qualità energetiche e spirituali degli elementi della Natura, arrivando a ricordare senza sforzo, con naturalezza naturale, che tutto ciò che abbiamo ‘dentro’ rispecchia tutto ciò che sappiamo essere ‘fuori’.

Microcosmo e macrocosmo -finalmente- ritrovano la originaria armonia!

Dott.ssa Antonella Screti

Psicopedagogista – Counselor Transpersonale in Biotransenergetica – Danzaterapista

Riceve e forma in provincia di Lecce

Per contatti: antonellascreti@gmail.com

https://www.facebook.com/antonella.screti.9

https://alimeridiane.wordpress.com/

Related Posts

L’INCONTRO TRA SCIENZA E SPIRITUALITA’ NELL’EPOCA ATTUALE La relazione tra Scienza e Spiritualità è...

Roberto è un campione di basket che sta giocando gli ultimi dieci secondi della sua prima finale...

L’Amore e il coraggio, due facce della stessa medaglia che portano al successo nella vita. Chi lo...

Leave a Reply