La kinesiologia è un’arte per la salute che unisce la saggezza delle antiche arti orientali e i metodi del riequilibrio energetico occidentale in modo efficace ed innovativo. Da sempre si contraddistingue, rispetto ad altre discipline, per l’utilizzo del test muscolare. Agisce in maniera ecologica, attivando l’intelligenza profonda dell’individuo e la memoria corporea, unica in ogni individuo, facilitando il processo di cambiamento rispetto a tematiche personali che le persone desiderano affrontare. Essa agisce tramite la stimolazione di punti riflessi ed energetici presenti nella muscolatura del corpo umano. Lavorando sulle energie sottili, tende a rimuovere i blocchi energetici che, quotidianamente, condizionano ed influenzano la qualità della vita di ogni essere umano. La kinesiologia opera esclusivamente attraverso tecniche dolci con lo scopo di rendere coscienti le persone di quanto sia importante entrare in contatto con la propria gentilezza e l’amorevolezza dovuta a se stessi.

La kinesiologia nasce nel 1964 dalle capacità straordinarie di un famosissimo chiropratico americano George Goodheart e ben presto ottiene un grande successo divenendo un metodo innovativo per aiutare le persone a perpetuare nel tempo uno stato di armonia ottimale in modo naturale.

G. Goodheart scopre che determinate manipolazioni effettuate su un muscolo debole tendono a rafforzarlo. Comprende l’importanza di questa scoperta, l’approfondisce ed inizia a presentarla ai suoi colleghi. In tempi successivi (anni 70) la diffusione del metodo si è avvalsa della collaborazione di uno dei suoi più stretti collaboratori: Jhon Thie che pubblicò un libro intitolato “Touch for Healt” (tocco per la salute) di facile comprensione per tutti , ancora oggi elemento bibliografico essenziale per chi si appresta a conoscere il mondo della kinesiologia applicata. La rapida e alllargata diffusione delle informazioni che ne consegue, porta alla nascita dei primi seminari di formazione del “Touch for Healt “.

THIE
Jhon Thie

Nel corso degli anni quella che originariamente era indicata da Goodheart con il termine “kinesiologia applicata” (“applied kinesiology”), e successivamente, da Jhon Thie come Kinesiologia specializzata (specialized kinesiology), ha avuto ulteriori e più ampi sviluppi. Varie ramificazioni hanno preso spunto dalla disciplina originale, ma il test muscolare kinesiologico (vedi voce corrispondente nel GLOSSARIO) è rimasto e resta il riferimento imprescindibile per ognuna di loro .

Fra le varie evoluzioni cui poc’anzi si è accennato , fondamentale e apportatrice di grandi novità ,  è quella che nasce nel 1976 grazie a GORDON STOKES DANIEL WHITESIDE che fondano la “Three in One Concepts” per sviluppare e proporre il metodo ONE BRAIN. Per distinguere il lavoro innovativo di Stokes e Whiteside rispetto alle altre branchie della kinesiologia , si potrebbe dire con una semplice battuta “.. che il metodo ONE BRAIN testa EMOZIONI e non muscoli … “sciogliendo lo stress ad esse correlato.

GordonStokes daniel_whiteside
Gordon Stokes Daniel Whiteside

Stokes e Whiteside pensano di poter arrivare, utilizzando il test muscolare, ad affrontare le origini dei disagi emozionali presenti in ognuno di noi e a sciogliere (in termini tecnici “defondere” ) lo stress legato all’emozione vissuta durante l’avvenimento che l’ha provocata. Infatti, una emozione non elaborata fa sì che, nella vita presente, all’interno di una determinata tematica,  possano riproporsi continuamente gli stessi esiti di sempre, quelli che ci accompagnano da tutta una vita. Ciò è dovuto alla scelta fatta allora (facilmente da bambini)  quando, sotto pressione, ed incapaci di comprendere con oggettività il flusso degli accadimenti, abbiamo vissuto e percepito in modo totalmente errato quanto ci stava accadendo. Stokes e Whiteside creano il percorso di una seduta One Brain con lo scopo di permettere alle persone di guardare in modo più distaccato e sincero l’origine del proprio disagio e fornire l’opportunita di  una “NUOVA SCELTA“,  proprio nel momento in cui  lo stress, che da sempre accompagna quella tematica, viene fatto scendere a zero ( ipotizzando 100 il massimo della scala dello stress ) grazie alle metodiche utilizzate durante la seduta  stessa.

E’ importante sapere che STOKES E WHITESIDE iniziano la loro esperienza occupandosi di bambini con problemi di apprendimento con i quali gli approcci convenzionali non avevano sortito effetti positivi di alcun genere. I risultati positivi raggiunti dalla Three in One in questo specifico campo, permisero ai suoi fondatori di indirizzare il metodo agli adulti con qualsivoglia forma di disagio emozionale, ottenendo lo stesso medesimo successo. In effetti, a tutt’oggi, il lavoro con i bambini e gli adolescenti che presentano difficoltà scolastiche e di apprendimento in genere, caratterizza il lavoro degli operatori che gravitano nell’ambito della Kinesiologia Emozionale.

Anche in questo caso, come già successo in passato, negli anni la metodologia si è propagata attraverso varie ramificazioni ed ulteriori specializzazioni. Il prolifico apporto fornito  negli ultimi decenni dalle neuroscienze ha ampliato, non solo le conoscenze tecniche e culturali, ma la possibilità di interagire con gli utenti finali in modo scientificamente più congruente. Oggi, ringraziando sempre e comunque Stokes e Whiteside per le ricerche e gli studi, sia teorici che pratici, che costituiscono l’ossatura del nostro metodo, il sottoscritto, grazie anche alla collaborazione e ai suggerimenti di altri operatori del settore kinesiologico e di altri ambiti olistici, ritiene di poter offrire in tal senso una formazione più ampia, completa e diversificata, che si avvale della collaborazione di specialisti di varie discipline, di ulteriori studi sulle scoperte scientifiche recenti e dell’esperienza pratica svolta sul campo e delle conoscenze acquisite in quasi venticinque anni di studio e sviluppo personale. Grazie a tutto ciò oggi l’ ENTE DI FORMAZIONE  PER OPERATORI OLISTICI IN KINESIOLOGIA EMOZIONALEè una realtà.

logo PULITO